Borsa italiana in recupero, migliora lo spread. Brillano Telecom e Recordati. FTSE MIB +0,97%

17/05/2018 09:45:03

Borsa italiana in recupero, migliora lo spread. Brillano Telecom e Recordati. FTSE MIB +0,97%.


Il FTSE MIB segna +0,97%, il FTSE Italia All-Share +0,95%, il FTSE Italia Mid Cap +0,93%, il FTSE Italia STAR +0,84%.

Mercati azionari europei positivi:
Euro Stoxx 50 +0,2%, FTSE 100 +0,1%, invariato, CAC 40 +0,3%, IBEX 35 +0,3%.

Future sugli indici azionari americani in lieve calo: S&P 500 -0,2%, NASDAQ 100 -0,3%, Dow Jones Industrial -0,1%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,41%, NASDAQ Composite +0,63%, Dow Jones Industrial +0,25%.

Mercato azionario giapponese positivo, il Nikkei 225 stamattina ha chiuso a +0,53%. Borse cinesi deboli: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen poco fa ha terminato a -0,74%, l'indice Hang Seng di Hong Kong al momento segna -0,3% circa.

Si attenuano le tensioni sul debito pubblico italiano. Lo spread BTP-Bund scende a 146 bp dopo aver sfiorato ieri quota 153. Dalla bozza di "contratto" di governo Lega-M5S scompaiono i riferimenti all'uscita dall'euro e alla cancellazione dei titoli di Stato detenuti dalla BCE.

Recuperano terreno le utility Enel (+1,4%), Snam (+1,6%) e Terna (+1,2%), ieri colpite dalle vendite nei momenti di maggiore tensione sui rendimenti dei BTP.

Dell'allentamento della pressione sui titoli di Stato tricolori beneficiano anche i bancari: Bper Banca (+1,7%), Banco BPM (+2%), UBI Banca (+0,8%).

Recordati (+5%) balza in avanti grazie a indiscrezioni di Reuters secondo cui il fondo di private equity CVC Capital Partners ha avviato l'anno scorso trattative con la famiglia che controlla il 51% del gruppo farmaceutico per un'acquisizione da 8 miliardi di euro, +25% circa rispetto alla capitalizzazione attuale. Secondo una delle fonti sentite da Reuters i negoziati sono però stato congelati a fine 2017 in attesa delle votazioni politiche del 4 marzo e degli eventi successivi.

TIM (+1,8% a 0,7868 euro) positiva in avvio dopo aver comunicato ieri a mercato chiuso i risultati del primo trimestre 2018. I ricavi (su base confrontabile) si sono attestati a 4,742 miliardi di euro, -1,6% a/a (+2,7% su base organica, consensus 4,69 miliardi), l'EBITDA a 1,893 miliardi, -4,9% a/a (-1,8% su base organica, consensus 1,958), gli investimenti industriali a 660 milioni (consensus 777), l'indebitamento finanziario netto rettificato a 25,537 miliardi di euro da 25,308 a fine 2017 (consensus 25,537). L'utile si attesta a 216 milioni di euro, con un dato comparabile pari a 250 milioni di euro (200 milioni di euro nel primo trimestre 2017). Il cda ha anche proseguito la definizione degli assetti di governance, già avviata il 7 maggio, creando "un nuovo comitato interno, specializzato nell'istruttoria e nel monitoraggio della materia dei rapporti con parti correlate, modificando di conseguenza l'apposita procedura aziendale". Il board ha anche formalmente "preso atto che risultano venute meno le ragioni per considerare Vivendi soggetto esercente attività di direzione e coordinamento su TIM".

Acquisti su Piaggio&C (+3,1%) che ha siglato il contratto definitivo con la cinese Foton Motor Group per lo sviluppo e la realizzazione di una nuova gamma di veicoli commerciali leggeri a quattro ruote, come previsto dall'accordo preliminare sottoscritto a Pechino a settembre 2017. Il lancio sul mercato dei nuovi veicoli partirà nel 2020. Foton Motor Group è il più grande produttore di veicoli commerciali in Cina.

Per quanto riguarda gli appuntamenti macroeconomici in agenda oggi, alle 10:00 bilancia commerciale Italia.
Negli USA alle 14:30 richieste settimanali sussidi disoccupazione e indice Philadelphia Fed (manifatturiero), alle 16:00 indice anticipatore (Conference Board).

Simone Ferradini - www.ftaonline.com