Borsa Italiana in calo: Ftse MIB -1,03%

14/06/2018 09:54:55

Avvio di seduta in ripiegamento per l'azionario italiano ed europeo. L'indice FTSE MIB segna -1,03%, il FTSE Italia All share -1,00%, il FTSE Italia Mid Cap -1,02% e il FTSE Italia Star -0,75 per cento.

Ieri la Fed ha deciso di alzare (come da attese) di 25 punti base al 2% i tassi d'interesse USA e soprattutto ha portato da tre a quattro il numero di interventi previsti nel 2018. L'indicazione di una stretta monetaria più rapida si è riflessa rapidamente in un calo degli indici azionari statunitensi e asiatici.
Oggi in Europa è attesa la riunione di politica monetaria della Bce e il successivo discorso del suo presidente Mario Draghi: potrebbero arrivare indicazioni importanti sulla fine del quantitative easing. In Italia si registra anche la crescita degli attriti politici fra Roma e Parigi.

Sostanzialmente stabile a 237 punti base in avvio di seduta lo spread BTP/Bund. Il rendimento del BTP italiano cresce di 3 punti base al 2,85% e quello del Bund tedesco aumenta di 2 punti base portandosi allo 0,48 per cento.

Durante i primi scambi le vendite prevalgono anche sul comparto bancario con il Ftse Italia Banche che cede lo 0,92% e registra le cattive performance di Ubi Banca (-1,32%), di Intesa (-1,04%), di Banco BPM (-0,96%) e di Unicredit (-0,99%).

In rialzo e in controtendenza invece Poste Italiane (+1,18%) che ieri ha comunicato un accordo con Amazon per la consegna di prodotti e-commerce anche di sera e nel fine settimana. Secondo quanto riportato oggi da Il Sole 24-Ore, Poste Italiane avrebbe già ricevuto da diverse compagnie assicurative le offerte per l'alleanza nell'Rc auto che il gruppo ha messo a gara. Fra i gruppi interessati alla partnership con poste ci sarebbero Generali, Unipol, Allianz e forse Axa.

Fra le utility si segnala l'avvio di seduta leggermente sotto la parità per il titolo della multiutility romana Acea (-0,07%). Il ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha affermato che il presidente della società Luca Lanzalone dovrebbe dimettersi. Come noto, un'inchiesta della Procura di Roma per corruzione sul nuovo stadio della Roma ha portato a nove arresti - fra i quali il costruttore Luca Parnasi - e 16 indagati. Ai domiciliari lo stesso Lanzalone, fino a ieri personaggio in forte ascesa politica all'interno del Movimento Cinque Stelle.

Mediaset segna un calo dello 0,38%: in una nota di ieri sera la società ha definito "totalmente squilibrato" il bando per l'assegnazione dei diritti audiovisivi del campionato calcistico italiano di Serie A per il triennio 2018/2021. Sky e Perform si sono aggiudicati ieri i diritti in tre pacchetti per un corrispettivo fisso complessivo pari a 973,3 milioni di euro medi all'anno. Mediaset sta comunque già procedendo a richiedere per iscritto agli aggiudicatari dei diritti le condizioni della ritrasmissione dei match per i clienti Premium sul digitale terrestre.

Sopra la parità Prysmian (+0,78%) e Fineco (+0,81%).

Prevalgono invece le vendite sui petroliferi con Eni che cede lo 0,27%, Saipem che perde lo 0,90% e Tenaris che segna un ribasso dello 0,42 per cento.

GD - www.ftaonline.com