Bond News: Euromacro

14/02/2018 16:50:00

Diverse le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata.

In Germania, l'Ufficio Federale di Statistica (Destatis) ha pubblicato le stime preliminari del Pil relativo al quarto trimestre 2017, un dato che conferma la crescita dell'economia tedesca. Su base trimestrale il Pil è cresciuto dello 0,6%, risultando pari al consensus ma inferiore alla rilevazione precedente fissata al +0,7%. Su base annuale la crescita si è attestata al +2,3% risultando pari alle attese e superiore alla rilevazione precedente (+2,2%).

In Germania l'Ufficio Federale di Statistica (Destatis) ha reso noto il dato definitivo relativo all'inflazione di gennaio. L'indice dei prezzi al consumo è diminuito dello 0,7% su base mensile ed è aumentato dell'1,6% su base annuale, in linea con le attese e dopo un incremento dell'1,7% a dicembre e dell'1,8% a novembre. L'indice armonizzato è diminuito dell'1% su base mensile ed è cresciuto dell'1,4% su base annua.

L'Istat riferisce che nel quarto trimestre del 2017 il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dell'1,6% nei confronti del quarto trimestre del 2016.Il quarto trimestre del 2017 ha avuto tre giornate lavorative in meno del trimestre precedente e una giornata lavorativa in meno rispetto al quarto trimestre del 2016.L'incremento congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nel comparto dell'agricoltura e di un aumento nell'industria e nei servizi. Dal lato della domanda, vi è un contributo positivo sia della componente nazionale (al lordo delle scorte), sia della componente estera netta.Nello stesso periodo il PIL è aumentato in termini congiunturali dello 0,6% sia negli Stati Uniti sia in Francia e dello 0,5% nel Regno Unito. In termini tendenziali, si è registrato un aumento del 2,5% negli Stati Uniti, del 2,4% in Francia e dell'1,5% nel Regno Unito.Nel 2017 il PIL corretto per gli effetti di calendario è aumentato dell'1,5%. La variazione annua del PIL stimata sui dati trimestrali grezzi è invece pari a +1,4% (nel 2017 vi sono state due giornate lavorative in meno rispetto al 2016). Si sottolinea che i risultati dei conti nazionali annuali per il 2017 saranno diffusi il prossimo 1° marzo, mentre quelli trimestrali coerenti con i nuovi dati annuali verranno comunicati il 2 marzo.La variazione acquisita per il 2018 è pari a +0,5%.

Eurostat ha pubblicato la seconda stima del PIL di Eurolandia: nel quarto trimestre 2017 il prodotto interno lordo e' cresciuto dello 0,6% su base trimestrale (in linea con la prima lettura) ed è cresciuto del 2,7% su base annuale, in linea con le attese fissate e dal +2,6% della stima precedente.

Eurostat ha reso noto che nel mese di dicembre la produzione industriale della Zona Euro e' cresciuta del 5,2% su base annua (consensus +4,2%). A novembre la produzione era cresciuta del 3,7%, rivista da +3,2%. Su base mensile la produzione industriale ha registrato una crescita dello 0,4% battendo le attese fissate su un incremento dello 0,1%. A novembre la produzione industriale era cresciuta dell'1,3%.


Aste in Europa:
- Questa mattina la Germania ha collocato Bund a 30 anni con scadenza luglio 2044 (ISIN DE0001135481) per 1.273,10 milioni di euro (oltre a 226,90 milioni riservati a operazioni di mercato secondario) con un rendimento dell'1,33%, in crescita rispetto all'1,28% dell'asta precedente. Le richieste sono state pari a 1,5 volte il quantitativo offerto.

Aumentano i depositi overnight presso la Bce. L'ultima rilevazione giornaliera indica che i depositi di breve delle banche europee presso la Banca centrale europea ammontano a 713,541 miliardi di euro, dai 697,792 miliardi della lettura precedente. Stabili a 13 milioni di euro i prestiti marginali.

Spread BTP/Bund a 132 punti base nel pomeriggio. Il rendimento dei titoli di Stato italiani a 10 anni si attesta al 2,07%.

Poco mossi i titoli di Stato tedeschi. Il Bund future di marzo scende a 158,09 punti (-0,01%) ed il Bobl future si attesta a 130,56 punti (-0,03%).

CC - www.ftaonline.com