Bastogi: risultato netto balza a 25,9 mln nel 2018, migliora la Pfn

15/04/2019 15:36:53

Il consiglio di amministrazione di Bastogi, nella riunione consiliare tenutasi in data odierna, ha esaminato e approvato, tra l'altro, la relazione finanziaria annuale e la relazione sulla remunerazione dell'esercizio 2018. Nel corso dell'esercizio 2018 il Gruppo ha raggiunto importanti obiettivi sia di natura operativa che finanziaria. Le cessioni immobiliari dell'esercizio, unitamente alla performance delle attività di intrattenimento e all'incasso di parte dell'indennizzo relativo al contenzioso del carcere di Bollate hanno infatti permesso di ridurre in maniera significativa l'esposizione nei confronti del sistema creditizio, di creare le condizioni per ridefinire nel medio lungo termine le residue posizioni scadute di natura finanziaria e di procedere con lo sviluppo delle attività. Nell'ambito del comparto immobiliare nel corso del mese di marzo 2018 le controllate Brioschi Sviluppo Immobiliare e Camabo hanno ceduto il complesso immobiliare di via Darwin a Milano, i cui proventi (circa 100 milioni di euro) hanno permesso di ridurre sensibilmente l'esposizione bancaria (per circa 49 milioni di euro) ed i correlati oneri finanziari, di garantire una copertura agli impegni finanziari di medio periodo e di creare le migliori condizioni per procedere nella realizzazione dei progetti in portafoglio. Da un punto di vista economico la cessione del complesso immobiliare di via Darwin a Milano ha generato effetti economici positivi per circa 39,5 milioni di euro, al lordo dei relativi effetti fiscali. Sempre nell'ambito del comparto immobiliare sono proseguite positivamente le verifiche circa l'esistenza dei presupposti per il completamento dello sviluppo residuo del comparto di Milanofiori Nord. Nel mese di febbraio 2019 si è proceduto alla sottoscrizione di un accordo per la costruzione e successiva locazione di un edificio a uso uffici di circa 31.100 mq di superficie lorda di pavimento (edificio "U1"), da adibire a headquarter di un noto operatore internazionale. Al momento è in fase avanzata la trattativa per la locazione di un secondo immobile a uso uffici di circa 11.000 mq di superficie lorda di pavimento (edificio "U3"), i cui lavori di costruzione saranno comunque avviati contestualmente a quelli dell'edificio "U1". Con il sistema bancario sono in fase di definizione interlocuzioni finalizzate, tra l'altro, al finanziamento integrale dei costi di edificazione dei suddetti immobili. Nel corso dell'anno è anche positivamente continuata l'attività di condivisione delle scelte progettuali relative al comparto di Milanofiori Sud con i diversi attori pubblici coinvolti. La controllata Sintesi ha sottoscritto un accordo di ridefinizione dei termini del finanziamento bancario (59,5 milioni di euro, di cui 46 milioni di euro in linea capitale e circa 13,5 milioni di euro in conto interessi e commissioni). Tra il mese di dicembre 2018 e marzo 2019 sempre Sintesi ha incassato complessivi 24,3 milioni di euro in relazione al contenzioso ultraventennale riguardante l'area del Carcere di Bollate che hanno consentito di ridurre per 19 milioni di euro l'esposizione bancaria in conformità agli accordi. Nei primi mesi del 2019 sono proseguite positivamente le attività finalizzate alla cessione degli immobili non strategici. Il settore dell'intrattenimento ha evidenziato una crescita del margine operativo lordo del 45% confermando la leadership nel mercato di riferimento. La controllata All Events ha inoltre sottoscritto il contratto per l'affidamento in concessione del Palazzo dello Sport di Roma per ulteriori sei anni a decorrere dall'1 dicembre 2018. Nel mese di dicembre 2018 la capogruppo ha infine ridefinito i termini di rimborso delle sue linee chirografarie, complessivamente pari a 7,5 milioni di euro. Sotto il profilo economico, il margine operativo lordo consolidato al 31 dicembre 2018, pari a 49,8 milioni di euro rispetto a 10,2 milioni di euro al 31 dicembre 2017, è stato determinato principalmente, oltre che dalla cessione del complesso immobiliare di via Darwin, dal positivo andamento delle attività di intrattenimento che evidenziano un margine operativo lordo pari a 9 milioni di euro, rispetto a 6,2 milioni di euro al 31 dicembre 2017. I corrispettivi della cessione del complesso di via Darwin, pari a complessivi circa 100 milioni di euro, unitamente all'incasso di circa 23,7 milioni di euro relativo al contenzioso sul carcere di Bollate, hanno contribuito a migliorare di circa 105 milioni di euro la posizione finanziaria netta di Gruppo (che si riduce da 287,6 milioni di euro al 31 dicembre 2017 a 182,7 milioni di euro al 31 dicembre 2018), nonché a rimborsare una parte significativa delle posizioni scadute di natura non finanziaria (circa 8 milioni di euro). La posizione finanziaria netta a breve è positiva per 13,4 milioni di euro rispetto ad un valore negativo di 112,1 milioni di euro al 31 dicembre 2017. La riduzione dell'indebitamento bancario ha contribuito a migliorare il risultato della gestione finanziaria che evidenzia al 31 dicembre 2018 un passivo di 11,7 milioni di euro rispetto a 14,4 milioni di euro al 31 dicembre 2017. I proventi di natura non ricorrente ammontano a 6,5 milioni di euro e sono integralmente riconducibili alla rinegoziazione del finanziamento bancario della controllata Sintesi. La valutazione degli strumenti derivati di copertura ha permesso di contabilizzare direttamente nel patrimonio netto utili per circa 1,0 milioni di euro, rispetto a 2,5 milioni di euro al 31 dicembre 2017. Il risultato complessivo, al netto di imposte per 8,3 milioni di euro, è dunque positivo di 25,9 milioni di euro (di cui 17 milioni di euro di pertinenza del Gruppo) rispetto a 6,8 milioni di euro al 31 dicembre 2017 (di cui 9,8 milioni di euro di pertinenza del Gruppo).

RV - www.ftaonline.com