Ancora sottotono il comparto bancario italiano ed europeo

12/07/2018 11:08:50

Prevalgono ancora le vendite sul settore del credito a Piazza Affari e in Europa in tarda mattinata. L'indice Ftse Italia Banche cede lo 0,34% mentre l'Euro Stoxx Banks segna un ribasso dello 0,61 per cento. A Milano Mediobanca cede l'1,09%, Unicredit lo 0,57% e Intesa Sanpaolo lo 0,44 per cento.

Resta sul riferimento a 0,86 centesimi il titolo di Carige dopo che il socio di riferimento Vittorio Malacalza ha preannunciato le proprie dimissioni da consigliere in aperta polemica con l'amministratore delegato Paolo Fiorentino. Sopra la parità invece Fineco (+0,34%).

Si mette in luce anche Bper (+1,41%) che, secondo il quotidiano MF, dovrebbe presentare oggi, insieme a BP Sondrio (+0,84%), un'offerta congiunta sul 40% di Arca Holding (controllante di Arca Fondi Sgr) in mano alle ex banche venete in liquidazione. BPER e Sondrio già controllano rispettivamente il 32,7% e il 21,3% di Arca.

Brilla anche Banco BPM (+1,63%) che avrebbe ricevuto secondo Il Sole 24 Ore sette proposte per i portafogli di crediti deteriorati e la piattaforma di gestione. Il perimetro di npl in via di cessione potrebbe variare da 3,5 a 10 miliardi di euro e condizionare la cessione o meno della piattaforma.

E' stato infine letto come un segnale di distensione il breve comunicato di ieri della Vigilanza della Bce sull'approccio che sarà tenuto nel monitoraggio degli stock di crediti deteriorati presenti nei bilanci delle banche europee. Si seguirà un confronto caso per caso con le singole banche per stabilire e controllare la riduzione degli npl. Nessun riferimento a soglie comuni o a un calendario preciso.

GD - www.ftaonline.com