STMicroelectronics scivola sotto la parità trascinata da Apple

STMicroelectronics scivola sotto la parità nella seconda parte della seduta di venerdì arrivando a toccare un minimo a 13,76 euro dopo aver raggiunto un massimo a 14,45 (close giovedì a 13,835 euro). Inizialmente il mercato si era stupito che la netta flessione di Appleal NASDAQ non avesse contagiato anche STM, una influenza negativa che si è invece poi fatta sentire quando alla riapertura della borsa Usa il calo di Apple, superiore al 6%, ha portato il Nasdaq in negativo (perdita superiore all'1%). Il colosso USA, cliente di STM, nel quarto trimestre del suo esercizio ha realizzato risultati migliori rispetto alle attese, fornendo però una guidance prudente per l'attuale periodo (cruciale per le vendite di iPhone e iPad visto che comprende le festività natalizie). Stm ha comunque messo a segno un rimbalzo dopo il test il 25 ottobre a 11,62 della base del canale decrescente disegnato dal top di giugno, supporto coincidente con il 61,8% di ritracciamento (Fibonacci) del rialzo dai minimi di aprile 2016. La reazione partita da 11,62 potrebbe salire verso 15,20, lato alto del canale citato e media esponenziale a 50 giorni. Resistenza successiva a 16,70. Solo sotto il supporto a 12,99, gap del 31 ottobre ancora abbastanza lontando dai valori attuali, si potrebbe andare incontro ad una vera e propria flessione verso i sostegni successivi posti a 11,19 e a 11 euro.