Stm torna sulla parita' dopo avvio in crescita

STMicroelectronics sotto i riflettori nel giorno del Capital Markets Day a Londra. Il presidente e CEO Carlo Bozotti (che concluderà il mandato con la prossima assemblea) ha affermato che nel primo semestre i ricavi stanno crescendo di circa il 20%, meglio del mercato: nel 2018 la crescita è attesa tra il 14 e il 17 per cento, oltre le attese. Carlo Ferro, CFO uscente, ha aggiunto che nel secondo trimestre i ricavi sono attesi a +17,5%, settimo trimestre consecutivo di crescita a doppia cifra anno su anno. Il titolo ha toccato un massimo intraday a 20,98 euro, bene al di sopra della chiusura di lunedì a 20,38 euro, tornando però poi su quei valori, in parità. La candela giornaliera disegnata in corrispondenza della seduta del 15 maggio rischia quindi di dimostrarsi uno "shooting star", elemento che compare in prossimità di forti resistenze e che quindi può anche tramutarsi, nel caso le resistenze non vengano superate, in un massimo di periodo. Effettivamente a 20,70 si colloca il top del 19 gennaio, un ostacolo che per il momento ha quindi contenuto le spinte dei rialzisti. La eventuale violazione di area 20 euro, dove si colloca la base del canale crescente disegnato dal minimo del 24 aprile, potrebbe introdurre ad un ripiegamento con primo supporto a 18,85 ma con rischio elevato di proseguimento della discesa almeno fino a 18,19 euro, base del gap rialzista del 2 maggio. La tenuta dei 20 euro e una nuova rottura di 20,70 farebbero invece piazza pulita delle incertezze lasciando spazio al test dei massimi dello scorso novembre a 21,59 euro. Al di sopra di quei livelli sarebbe possibile dichiarare ripreso il bel rialzo in atto dai minimi di inizio 2016 (le oscillazioni dal top di novembre si dimostrerebbero infatti un "flag", figura di continuazione della tendenza crescente) con obiettivi in area 25,50 euro.