Maire Tecnimont positiva ma sotto i massimi di giornata

Maire Tecnimont positiva in controtendenza rispetto ad un mercato cedente nel complesso grazie al report di Banca IMI: target incrementato da 5,00 a 5,60 euro e raccomandazione "buy" confermata. A fine luglio Maire Tecnimont ha pubblicato dati semestrali decisamente positivi: ricavi a 1.653,1 milioni di euro (+48,1% a/a), EBITDA a 96,2 milioni (+32,2%), utile netto a 65,4 milioni (+85,3%). Nuovi ordini (4,0 miliardi di euro) e backlog (8,6 miliardi) ai livelli più alti di sempre. Dopo i dati semestrali erano stati molti i broker ad esprimere una apprezzamento positivo per il titolo. Barclays aveva alzato il prezzo obiettivo da 5,1 a 5,3 euro, confermando la raccomandazione "overweight" migliorando anche le stime di Ebitda del 3-7% per il 2017-2019, Equita Sim aveva alzato il prezzo obiettivo da 4,3 a 4,6 euro, confermando la raccomandazione "hold" con previsioni 2017-2019 migliorate in media del 7% sull'Ebitda e del 12% sull'Eps, Kepler Cheuvreux aveva alzato il prezzo obiettivo sul titolo da 4,8 a 5,2 euro e confermato la raccomandazione "buy", infine Banca Akros aveva alzato il prezzo obiettivo su da 5 a 5,2 euro e confermato la raccomandazione "buy". Mercoledì i prezzi hanno toccato un massimo intraday a 4,93 euro scendendo poi in area 4,80 euro, al di sopra comunque della chiusura di martedì di quota 4,71 euro. A 4,85 i prezzi hanno superato il picco del 31 luglio, resistenza che però torna a funzionare come tale in chiusura di giornata. Il superamento stabile di quell'ostacolo lascerebbe spazio al test a 5,32 euro del lato alto del canale crescente che parte dai minimi di marzo. Resistenza successiva a 5,78 euro circa. Solo sotto 4,57, top del 7 giugno, rischio di movimenti verso la base del canale rialzista citato, a 4,40 circa, supporto critico in questa fase. Ribassi fino a quei livelli non metterebbero infatti in discussione la tenuta dell'uptrend di medio periodo, la violazione del supporto farebbe invece temere una correzione ampia di tutto il rialzo degli ultimi mesi con target almeno a 3,95 euro, sulla media mobile a 100 giorni.