FinecoBank in netto recupero martedi'

FinecoBank in netto recupero martedi' dopo le flessioni delle due sedute precedenti. Il titolo approfitta dei dati relativi alla raccolta netta a febbraio, pari a 609 milioni di euro (+33% a/a). Il saldo da inizio anno si attesta quindi a 1.021 milioni (+41% a/a). La banca specializzata nei servizi di trading on line ha chiuso l'esercizio 2017 con utile netto (rettificato per le poste non ricorrenti) in crescita dell'8,9% a/a a 218,5 milioni di euro, risultato di gestione a 353,4 milioni (+11,4% a/a), ricavi totali a 586,7 milioni (+7,9% a/a), cost/income ratio in calo al 39,8% (-1,9%) e dividendo proposto a 28,5 centesimi per azione (pay-out ratio 81%). Le quotazioni sono salite fino a quota 9,94 euro dopo avere terminato la seduta di lunedi' a 9,574 euro. La reazione si e' avviata dopo il test lunedi' a 9,54 euro della media mobile a 50 giorni, supporto dimostratosi valido anche nella prima parte del mese di febbraio. La rottura di 10,18, massimo del 28 febbraio, sarebbe un segnale di forza incoraggiante, introduttivo a movimenti verso i 10,80 euro, lato alto del canale crescente disegnato dai minimi dello scorso novembre. Sopra quei livelli resistenza a 11,50 euro. Solo sotto 9,70 rischio di un nuovo test della media mobile a 50 giorni. La violazione di quel supporto farebbe temere discese fino ai minimi di inizio febbraio a 8,96 euro.