Editoriali

  • 21/02/2018 - 11:36
    308666

    I grafici dei mercati finanziari, anche per chi non crede al loro potere di previsione, sono comunque uno strumento di descrizione oggettivo della realta' molto efficace. E osservando il grafico del Dow Jones Industrial, rappresentativo dei 30 maggiori titoli dell'economia Usa, e' impossibile rimanere impassibili davanti allo scivolone che i prezzi hanno evidenziato tra la fine di gennaio, quando erano sul massimo storico dei 26617 punti circa, e i minimi di inizio febbraio a 23360 punti.

  • 12/02/2018 - 11:17
    307781
    Le prime sedute di febbraio hanno registrato la dipartita di alcuni protagonisti eccellenti dei mercati finanziari: sono infatti stati liquidati il fondo LJM Preservation and Growth Fund, di LJM Partners, un hedge fund con sede a Chicago e con asset per circa mezzo miliardo di dollari, e il XIV ETN di Credit Suisse, un prodotto short sul Vix, con un asset per circa 1,5 miliardi di dollari.
  • 06/02/2018 - 12:17
    307229

    In attesa che ad aprile l'esecutivo Ue produca un rapporto dettagliato sulla Turchia in base al quale decidere se fare entrare o meno Ankara nell'Ue (ma le anticipazioni fanno capire che dal documento emergerà un quadro ancora peggiore che in passato) l'economia turca continua ad essere in buona salute.

  • 30/01/2018 - 11:17
    306462

    Lo scorso novembre l'economia indiana ha incassato manifestazioni di fiducia da parte di due delle principali agenzie di ratig. S&P Global Ratings ha confermato infatti il giudizio sul credito sovrano dell'India a BBB- (livello più basso d'investment grade), con outlook stabile. Secondo S&P, che non modifica il rating di New Delhi addirittura dal gennaio 2007, il giudizio è appropriato visto che riflette la solida crescita del Pil e la migliorata credibilità monetaria con il significativo deficit fiscale e il basso reddito pro capite.

  • 23/01/2018 - 12:47
    305785

    Raffica di dati macro molto positivi per la Cina, le borse dell'area potrebbero proseguire la fase di espansione. Proprio nelle ultime ore il Fondo monetario internazionale ha alzato le proprie stime per la crescita dell'economia cinese nel 2018 portandole al 6,6% dal 6,5% ipotizzato ad ottobre. Questa revisione migliorativa e' la quinta in due anni, non si possono quindi escludere ulteriori interventi in questo senso, anche se in realta' per il momento il Fmi avverte che la crescita potrebbe aumentare meno rapidamente in futuro.

  • 16/01/2018 - 23:12
    305150

    Recentemente Moody's ha affermato che le prospettive per l'area euro sono stabili ma che tra le incognite che gravano sul 2018 ci sono le elezioni politiche in Italia, che potrebbero avere ricadute negative per tutta l'Unione monetaria. L'affidabilita' creditizia italiana dipendera' dalla capacita' del nuovo governo di spingere su riforme strutturali favorevoli alla crescita in un contesto di tassi di interesse che resterà positivo, il problema e' che e' improbabile che il vincitore delle elezioni possa ottenere un consenso sufficiente a formare una maggioranza di governo.

  • 09/01/2018 - 22:18
    304440

    Borsa Usa, il 2018 ancora all'insegna del rialzo? Secondo la diffusa pubblicazione The Stock Trader's Almanac i presupposti per un 2018 di ulteriori rialzi, almeno per la borsa Usa, sembrerebbero esserci. In soccorso di questa ipotesi viene la statistica. Secondo l'Almanac infatti il primo mese dell'anno e' il "January barometer", ovvero un buon indicatore di quella che sara' la direzione della tendenza per l'intero anno. L'indicazione e' statisticamente credibile, tanto che l'Almanac ha creato il detto " “As January goes, so goes the year”. 

  • 03/01/2018 - 13:20
    303908

    La lettura relativa a dicembre del Purchasing Managers' Index (Pmi) della Cina elaborato da Markit/Caixin ha messo le ali ai piedi agli indici azionari cinesi nelle prime sedute dell'anno. Il Pmi si è attestato infatti a 51,5 punti contro i 50,8 punti di novembre e a fronte della frenata a 50,6 punti attesa dal consensus di Reuters.

  • 28/12/2017 - 13:33
    303582

    Continua la corsa del rame a Londra, dopo che mercoledì aveva già toccato i massimi dal gennaio 2014 nella nona seduta consecutiva di rialzo (striscia più lunga dal 2004), su nuove limitazioni alla produzione in Cina a causa dell'inquinamento. 

  • 20/12/2017 - 16:24
    303048

    L'analisi tramite il metodo "media/varianza" delle performance dei principali indici azionari mondiali nel corso dell'ormai concluso 2017, rappresentati in questo studio da una cinquantina di panieri, vede uscire alcuni netti vincitori e un nutrito gruppo di partecipanti che se la sono cavata in modo decisamente onorevole.