Dow Jones, rimbalzo da (triplice) supporto critico

Dow Jones, rimbalzo da (triplice) supporto critico. Il Dow Jones ieri ha toccato con i minimi di quota 24122 punti l'area di supporto dove confluiscono la trend line rialzista disegnata dai minimi di febbraio 2016, la media mobile esponenziale a 300 periodi, e il 23,6% di ritracciamento del rialzo dai minimi di inizio 2016 (primo dei livelli ricavati dalla successione di Fibonacci). In aggiunta i minimi di ieri, a 24122, sono distanti esattamente il 10,5% dai massimi del 3 ottobre a 26952: per il mercato americano il 10% di ritracciamento e' una quota magica, fino a quella percentuale di perdita infatti un movimento e' considerato "correttivo", quindi un inciampo temporaneo, sotto quei livelli invece il ribasso inizia a fare paura. Il fatto che la chiusura di ieri sia stata a 24443 punti, bene al di sopra dei minimi e della terna dei supporti indicati, collocati tra 24210 e 24410, e' un primo segnale di un mercato che non si vuole arrendere alle spinte ribassiste. Per essere convincente pero' un rimbalzo dovra' prima superare area 25280 e poi 25810. In quel caso un nuovo test (il terzo da inizio 2018) di area 27000 diverrebbe probabile. Sotto i minimi di ieri invece primo supporto a 22500, 38,2% di ritracciamento del rialzo dai minimi di inizio 2016 (ma in quel caso la quota magica del 10% di ritorno verrebbe superata, con conseguenze tutte da verificare per il destino dell'indice).