Dax in netto calo, condizionato dalla borsa Usa

Dax in netto calo, condizionato dalla borsa Usa. Il Dax accelera al ribasso sulla scia della discesa dei listini Usa: il Dow Jones scende al di sotto dei 23740 punti, dove transita la media mobile a 200 giorni. Questo indicatore, che gli analisti considerano una buona sintesi della condizione del trend di lungo periodo, era al rialzo, ovvero al di sotto dei prezzi, dal 27 giugno 2016 e la sua violazione potrebbe anticipare un deterioramento duraturo delle condizioni del mercato. Anche nel caso del Dax la media mobile a 200 giorni si e' dimostrata rilevante nel recente passato: i prezzi la hanno infatti violata al ribasso con un gap il 5 febbraio, la hanno poi testata senza successo dal basso il 18 e il 24 aprile riuscendo poi a superarla mercoledi'. La media transita a 12678 circa, ed e' quindi stata avvicinata nuovamente nelle ultime ore. Un nuovo taglio al ribasso di questo riferimento metterebbe in discussione la qualita' del rimbalzo visto dai minimi di marzo, facendo emergere nuovamente il timore che possa trattarsi solo di un movimento correttivo, quindi temporaneo, e non di una vera e propria inversione del trend ribassista visto dal top di gennaio. A questo punto solo la rottura di area 12900, 61,8% di ritracciamento (rilevante percentuale di Fibonacci) del calo subito da gennaio, sgombrerebbe il campo da dubbi rendendo probabile un allungo fino a 13600 circa (resistenza intermedia a 13200). La violazione di area 12650 potrebbe invece anticipare la ricopertura del gap rialzista del 27 aprile con base a 12500. Sotto quei livelli aumenterebbe il rischio di un ulteriori affondo almeno fino a 12011 punti, base del gap del 5 aprile.