Cucinelli, il quadro grafico per ora resta rialzista

Cucinelli presenta oggi i dati sulle vendite del 3° trimestre. Secondo Bloomberg il dato dovrebbe attestarsi a 152,8 milioni (+8,4% dallo stesso periodo del 2017). Il titolo ha toccato oggi un minimo intraday a 30,35 euro (close ieri a 30,95), il quadro grafico resta tuttavia positivo. I prezzi hanno infatti disegnato in area 28,35 una figura a doppio minimo dal 15 ottobre, figura poi completata il 30 ottobre con la rottura a 30,40 del top del 18 ottobre. Il ribasso delle ultime ore potrebbe quindi essere solo una flessione correttiva in attesa della ripartenza, il classico "return move" che si disegna spesso dopo il completamento di una figura di inversione. Primo target del doppio minimo, calcolato in base alla proiezione della sua ampiezza, a 32,50, successivo a 33,80 euro. A 32,50 i prezzi si lascerebbero alle spalle anche la media mobile esponenziale a 50 giorni (la 20 giorni e' stata superata in concomitanza con il completamento del doppio minimo e con la rottura della trend line ribassista che parte dal top di agosto, e passa ora come supporto a 30,53 circa). Solo discese nuovamente al di sotto di area 30 (da confermare in chiusura di seduta) potrebbero mettere in discussione i recenti segnali di forza facendo temere un nuovo test del supporto critico di area 28,35, non solo base del doppio minimo ma anche 78,6% di ritracciamento del rialzo dai minimi di febbraio (ultimo dei ritracciamenti di Fibonacci, sotto il quale si rischia il ritorno all'origine del movimento precedente, quindi in area 24,70 euro). In sintesi quindi il calo odierno potrebbe rappresentare una opportunita' di ingresso sul titolo a patto di mantenere uno stop loss subito al di sotto dei 30 euro. Il Megatrader (https://www.megatrader.it/) del resto ha posizione "long" sul titolo dal 31 ottobre con stop a 29,90 e target price a 32,50 circa, valori che confermano quelli ricavati con l'analisi grafica tradizionale.