Buone performance mercoledi' per Poste Italiane

Buone performance mercoledi' per Poste Italiane all'indomani della sottoscrizione degli accordi attuativi per il rafforzamento della partnership nel risparmio gestito con Anima Holding, secondo i termini e le condizioni annunciati il 21 dicembre 2017. Si prevede che l’operazione sara' completata nel secondo semestre del 2018, previo ottenimento, inter alia, delle necessarie autorizzazioni da parte delle competenti autorita' di vigilanza. Il titolo Poste Italiane oscilla poco sotto il massimo intraday toccato a 7,15, non distante da quel 7,142 euro toccato il 27 febbraio dopo la pubblicazione del piano strategico quinquennale denominato Deliver 2022. Se le quotazioni riusciranno a superare il record del 3 dicembre 2015 a 7,265 euro sara' possibile ipotizzare una fase prolungata di crescita con obiettivi fino in area 8,20 euro, sul lato alto del canale crescente che parte dai minimi di inizio 2016. Solo la violazione di area 7 euro farebbe temere un ripiegamento almeno fino a 6,75, top del 23 gennaio, con supporto successivo sulla media mobile a 50 giorni, in transito a 6,60 euro.