Borsa italiana in verde, STM e Telecom in evidenza

Borsa italiana in verde, STM e Telecom in evidenza: FTSE MIB +0,33%.

Il FTSE MIB segna +0,33%, il FTSE Italia All-Share +0,34%, il FTSE Italia Mid Cap +0,46%, il FTSE Italia STAR +0,36%.

Mercati azionari europei poco sopra la parità: Euro Stoxx 50 +0,2%, DAX +0,3%, FTSE 100 invariato, CAC 40 +0,1%, IBEX 35 +0,3%.

Future sugli indici azionari americani in verde: S&P 500 +0,3%, NASDAQ 100 +0,3%, Dow Jones Industrial +0,4%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -0,29%, NASDAQ Composite -0,47%, Dow Jones Industrial -0,50%.

Mercato azionario giapponese positivo, il Nikkei 225 termina a +0,26%. Borse cinesi in netto calo penalizzate dalle tensioni sul dollaro di Hong Kong: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen chiude a -1,61%, l'indice Hang Seng di Hong Kong al momento segna -1,9% circa.

Fari puntati su Telecom Italia (+1,1%) a poco più di una settimana dall'assemblea del 24 aprile: venerdì scorso il gruppo telefonico ha depositato presso il tribunale di Milano il ricorso contro l’integrazione dell’ordine del giorno dell’assemblea voluto dal fondo Elliott Management e ha chiesto l’adozione di provvedimenti d’urgenza entro quella data. Il cerchio attorno all'azionista di maggioranza Vivendi sembra però stringersi sempre di più. Alla fine della scorsa settimana Repubblica ha scritto che Elliott, alleandosi con Blackrock, Cdp e alcuni fondi italiani, potrebbe presentarsi in assemblea con il 24% dei diritti di voto, gli stessi in possesso dei francesi. Sabato il fondo tedesco Shareholder Value Management ha comunicato di avere oltre l'1% di Telecom e che supporterà Elliott, mentre venerdì la Consob ha reso noto che JP Morgan ha derivati pari al 5,9% potenziale del capitale del gruppo telefonico. Inoltre il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, in un'intervista a Repubblica ha sparato a zero su Vivendi affermando che è stato un pessimo azionista. Calenda ha ribadito che l'ingresso di Cdp con il 4,2% è finalizzato a rendere Telecom una public company e a scorporare la rete.

Buon progresso per STMicroelectronics (+2,5%) che recupera dopo la flessione di venerdì. Situazione diametralmente opposta per Moncler (-0,9%).

Positivi i bancari: l'indice FTSE Italia Banche segna +0,6%. In evidenza UBI Banca (+1,3%), Banco BPM (+1,1%), Bper Banca (+1,1%). 

In verde Mediaset (+1,1%): venerdì la controllante Fininvest ha comunicato di aver acquistato azioni pari allo 0,74% del capitale del gruppo di Cologno Monzese nella prima metà di marzo, salendo dal 39,54% al 40,28% del capitale sociale e dal 41,13% al 41,87% dei diritti di voto.

Petroliferi sotto la parità in scia al greggio che perde terreno dai massimi da fine 2014 toccati alla fine della scorsa settimana. I future giugno 2018 segnano per il Brent 71,40 $/barile (da 72,75 circa), per il WTI 66,40 $/barile (da 67,60 circa). In calo Tenaris (-0,7%), Saipem (-0,6%), Eni (-0,3%).

Sale Juventus FC (+2,3%). La vittoria per 3 a 0 sulla Sampdoria nell'ultimo turno del campionato di Serie A permette ai bianconeri di portare il vantaggio in classifica sul Napoli (bloccato sullo 0 a 0 dal Milan) a 6 punti.

DATI ATTESI:
Per quanto riguarda gli appuntamenti macroeconomici in agenda oggi segnaliamo negli USA alle 14:30 vendite al dettaglio e indice Empire State Manufacturing, alle ore 16:00 scorte delle imprese e indice NAHB (mercato immobiliare residenziale), alle 22:00 acquisti netti att. finanziarie (l/term.).