Borsa italiana positiva dopo il netto calo di ieri

Borsa italiana positiva dopo il netto calo di ieri: FTSE MIB +0,48%. Il FTSE MIB segna +0,48%, il FTSE Italia All-Share +0,51%, il FTSE Italia Mid Cap +0,67%, il FTSE Italia STAR +0,48%.

Mercati azionari europei in verde: DAX +0,5%, FTSE 100 invariato, CAC 40 +0,4%, IBEX 35 +0,5%.

Future sugli indici azionari americani in rialzo: S&P 500 +0,42%, NASDAQ 100 +0,43%, Dow Jones Industrial +0,41%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -1,09%, NASDAQ Composite -0,86%, Dow Jones Industrial -1,37%.

Mercato azionario giapponese in flessione, il Nikkei 225 chiude a -0,83%. Borse cinesi positive: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen termina a +0,47%, l'Hang Seng di Hong Kong a +0,86%.

Bene il risparmio gestito con Banca Generali (+1,4%) e FinecoBank (+1,3%) e i titoli dei gruppi attivi sugli npl come Banca IFIS (+1,4%) e doBank (+2,5%). Sale anche Atlantia (+1,2%).

FCA (+1%) positiva dopo l'intervista a Reuters di Alberto Piglia, responsabile dell‘unità e-Mobility di Enel (+0,9%). Il gruppo dell'elettricità sta discutendo con altri produttori di auto di eventuali accordi sulle tecnologie di ricarica per i veicoli elettrici simili a quelli già in essere con Nissan e Audi. Piglia ha dichiarato che “abbiamo parlato con il capo dell‘innovazione di Fiat, e se le cose andranno avanti parleremo anche di più”. Inoltre FCA ha annunciato ieri l’accordo per la fornitura di migliaia di minivan Chrysler Pacifica Hybrid a sostegno del primo servizio di taxi al mondo senza guidatore: la "collaborazione con Waymo (Google, ndr) cresce e si rafforza".

Telecom Italia (+1,2%) si conferma in buona forma dopo le indiscrezioni sulla presentazione all'AgCom del piano per la separazione della rete. Telecom avrebbe il controllo del 100% della newco cui verrebbe conferito tutto l'ultimo miglio dell'infrastruttura telefonica, sia in rame che in fibra ottica. Nel cda di quest'ultima troverebbe posto un membro nominato dall'authority con speciali deleghe a garanzia di investimenti e raggiungimento degli obiettivi di copertura a banda ultralarga. Al momento non sembra prevista la quotazione in borsa della newco. Una fonte vicina al dossier sentita da Reuters riferisce che il piano sarà presentato al ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, il 7 febbraio.

Positiva CNH Industrial (+0,6%). I marchi Iveco e Iveco Bus hanno annunciato nuovi importanti accordi di fornitura con la città di Abidjan, la capitale finanziaria della Repubblica della Costa d’Avorio, nell’Africa occidentale. Ieri CNH Industrial aveva ceduto il 2,34% dopo i dati 2017 e del quarto trimestre, chiuso con ricavi in crescita del 15,8% a/a ma con una perdita netta di 40 milioni di dollari. L'utile operativo del trimestre è salito da 441 a 494 milioni di dollari, ma il margine è sceso dal 6,3% al 6,1%. 

Buona performance per Juventus FC (+1,2%) che ieri sera ha vinto per 1 a 0 il match di andata della semifinale di Coppa Italia in casa dell'Atalanta. In verde AS Roma (+0,2%) che ha ceduto Emerson Palmieri al Chelsea FC per 20 milioni di euro più 9 di bonus.

Leonardo (-1,1% a 9,81 euro) perde ulteriore terreno dopo il -12% di ieri in scia alla presentazione del piano 2018-2022 e tocca a 9,7020 il minimo da fine novembre. Stamattina JP Morgan ha ridotto il target da 12 a 11 euro. A penalizzare il titolo sono stati, più che i target del piano, la conferma della revisione al ribasso dei target 2017 (ricavi, EBITA e FOCF attesi nella fascia bassa delle guidance, ordini attesi pari a €11,3–11,7mld a causa delle tempistiche legate alla finalizzazione di un contratto C27J export) e soprattutto la debole guidance 2018 (ordini in aumento, ricavi stabili, EBITA leggermente in crescita a €1.075–1.125mil, FOCF pari a ca. €100mil), definito "anno di consolidamento".

Deludono i dati preliminari delle vendite 2017 di Safilo Group e il titolo crolla (-7,3%). Il fatturato scende da 1,2529 miliardi di euro del 2016 a 1,047 miliardi, -16,4% a cambi correnti e -15,5% a cambi costanti. 

DATI ATTESI:
Per quanto riguarda gli appuntamenti macroeconomici in agenda oggi segnaliamo alle 10:00 variazione n° disoccupati e tasso di disoccupazione Germania, tasso di disoccupazione Italia, alle 11:00 inflazione e tasso di disoccupazione eurozona.
Negli USA alle 14:15 nuovi occupati (ADP), alle 14:30 indice costo del lavoro, alle 15:45 indice PMI Chicago (manifatturiero), alle 16:00 indice Pending Home Sales (mercato immobiliare residenziale), alle 16:30 scorte settimanali petrolio (EIA) alle 20:00 riunione FOMC (Fed).