Banca IFIS in verde ma sotto i record di ieri

Banca IFIS in verde dopo la pubblicazione dei dati del primo semestre. I risultati sono in forte progresso: il margine di intermediazione sale a 250,0 milioni di euro (+65,7% a/a), l'utile netto balza a 103,7 milioni di euro (+165,0% a/a). Migliora la solidità patrimoniale con il ratio Common Equity Tier 1 (CET1) al 16,4% al 30 giugno (dal 15,7% al 31 dicembre 2016). Equita Sim ha confermato il rating "hold" sul titolo con target price a 36,7 euro. Per Banca Imi invece il giudizio e' "add" con prezzo obiettivo di 38,8 euro per azione. Il titolo ha toccato un massimo intraday a 41,90 euro, allineato con il recordo storico di lunedi' a 42,05 euro, per poi stabilizzarsi in area 41, comunque al di sopra della chiusura di lunedi' a 40,70 euro. Sul grafico si e' quindi venuta a creare una forte area di resistenza, intorno ai 42 euro, che i prezzi dovranno superare per poter dare un seguito al rialzo in atto dai minimi di maggio a 31,17 euro. Oltre quei livelli il target si sposterebbe a 44 euro, poi a 46,60 euro, lato alto del canale crescente disegnato dai minimi di febbraio 2017. Solo discese sotto 39,80, media mobile a 10 sedute, farebbero comunque temere un avvitamento ribassista verso la base del citato canale crescente, a 36,35 euro.